I bambini “ci vedono lungo”, più di noi adulti!


I BAMBINI E LE LORO SENSAZIONI A PELLE.

img_5874

Quante volte sara` successo anche a voi di conoscere persone nuove, una stretta di mano e una presentazione veloce, di incontrare un vecchio amico, un parente alla lontana o amici di amici…CON I VOSTRI FIGLI!!!

Allora parto dal presupposto che Allegra e` una bambina molto vivace, furba e attenta, cioe` a lei “non gliela fai”. Inutili i tentativi di corromperla con caramelle o tutte quelle frasi stupide che si dicono ai bambini piccoli. Ma davvero li crediamo cosi` scemi? Va beh ma questo e` un altro discorso…

Quello che voglio dire e` che i bambini percepiscono sintonie che noi spesso non riusciamo a captare al primo impatto con una persona “nuova”. Se ripenso alle volte in cui ho sgridato Allegra perche` non voleva salutare quella mia amica del liceo, o quando si ritrae ad un bacio della vecchia zia, se fa l’impettita quando la guardano e le sorridono o quando proprio scappa e non c’e` verso!

Col tempo ho capito che c’erano persone che non gradiva, vuoi perche` si ponessero male nei suoi confronti (molti adulti non hanno la minima idea di come ci si approcci ad un bambino, A VOLTE NON SO COME FARE NEMMENO IO CHE NE HO DUE) , vuoi perche` lei sentisse “qualcosa” che non andava.

Sapete cosa vi dico?!? Che non la biasimo affatto, anzi la invidio perche` vorrei avere la stessa “capacita`” nell’individuare le persone con cui si puo` creare un certo feeling, da quelle assolutamente da evitare! O forse la invidio solo perche` e` una bambina e puo` PERMETTERSI di comportarsi come meglio crede, che comunque ogni sua reazione ad un comportamento , in fondo, sara` sempre giustificata.

Il concetto di fondo che voglio far capire e` che ogni tanto noi adulti dobbiamo seguire i nostri bambini e le loro sensazioni. Noi ormai siamo “rovinati” dal buonsenso e dalle maniere gentili, tiriamo fuori l’altra nostra faccia un po’ troppe volte per interpretare il “buon viso a cattivo gioco”, insomma siamo annebbiati dal mondo, mentre i bambini riescono ancora a  vedere “nitido”.

Seguendo questa logica, non posso che concordare le scelte di mia figlia riguardo alle sue esperienze di “primo impatto” : ancora oggi quella mia compagna del liceo non la saluta,si ritrae al bacio della vecchia zia, fa l’impettita quando la guardano sorridendo e scappa via nei casi piu` estremi!

Mentre per noi molte volte ci sarebbe bisogno di un binocolo per poter VEDERE davvero le cose come sono realmente, ai bambini basta un solo sguardo, grazie alla loro innocenza e purezza. Io lo dico sempre che non si smette mai di imparare e prendere lezioni di vita dai propri figli lo ritengo un grande onore.

 

MAMMA GLAMOUR

 

 

mammaglamour
About me

YOU MIGHT ALSO LIKE

Quando una nonna è molto di più…
May 12, 2016

2 Comments

L'angolino di Ale
Reply marzo 31, 2016

Hai proprio ragione Giorgia! Non si smette mai di imparare e dai bambini possiamo davvero apprendere moltissimo in fatto di approccio e comportamento. Il mio piccolino ha solo 7 mesi ma mi ha insegnato più lui in questo breve periodo di quanto potessi imparare io in un'intera vita.

    mammaglamour
    Reply marzo 31, 2016

    assolutamente..e credo anche che sentano meglio di noi le situazioni brutte, la tristezza nel nostro viso e la "non-tranquillita` " anche se cerchiamo di nasconderglielo!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *