Cose che non sopporto di chi prova ad essere social!


Quello che odio di piu` di chi vuole essere social a tutti i costi, ma non ci riesce fino in fondo!

Partendo dal presupposto se non che dalla constatazione che la sottoscritta qui presente sia entrata nel mondo del blogging da 6 mesi e che quindi abbia ancora molto, moltissimo da imparare e che ogni giorno si impegni per lavorare al meglio barcamenandosi in questo ambiente lavorativo intriso di soddisfazioni, ma pur sempre assai pungente, ci sono cose che proprio della serie… ‘gna faccio!!!

Ho analizzato un po’ tutto quello che ho sempre sotto gli occhi tutti i giorni tutto il giorno, ovvero il blog, instagram e facebook. Principalmente per questioni lavorative e poi per una buona dose di cazzeggio e vanita’ personale. Chi mi segue al di la’ del mio blog, sa che tengo molto alla fotografia, e che quindi il mio feed instagram deve avere un certo aspetto, per esempio ogni singola foto deve poter “stare bene” se accostata alla successiva (e precedente) per COLORE, LUCE E INQUADRATURA.

FullSizeRender (2)

mammaglamour ig feed

Ecco il mio background IG deve sempre essere cosi`: bello a vedersi, con i suoi colori freddi ma che comunque suscitano emozioni che siano i fiori, un gelato, i miei bambini o un bel setting table.

Con questa premessa fotografica, cui io tengo moltissimo, posso cominciare ad elencarvi quello che proprio mi irrita dell’essere un social-to-be, ovvero un (quasi)social!!!

  • Chi non raddrizza la fotocamera.

    Avete presente quegli orizzonti che piu’ che una linea retta e indelebile sembrano l’ipotenusa del triangolo? E quelle case che sembrano la torre di Pisa? Quei davanzali in fiore che sembrano accidentati da calamita’ naturali? E quei bei vecchi portoni che pero’ sembrano appena bombardati? Ecco sapete che esiste questo:

    IMG_9960

    Ebbene si con questo potete raddrizzare tutte le vostre fotografie! E non e’ un’applicazione…ma e’ incluso nel vostro iPhone.

 

  • Chi scrive “Link diretto in bio”.

    E allora tu vai a vedere nella bio, ma il link non c’e’! E non e’ che e’ un post vecchio, no no.             Controllo e ricontrollo, ma niente, in bio non c’e’ nemmeno l’ombra del link diretto, ma solo www.mammakfbveijvpdobkms.com. Ok sara’ per la prossima volta. Forse.

  • Chi non mette a fuoco.

    Dai ci riesce anche mia figlia che ha 4 anni e non usa la fotocamera interna intendiamoci! Proprio non ce la posso fare a vedere quelle foto che potenzialmente possono essere anche belle, e invece… Tutte sfocate, mosse e alla fine non si capisce un bel niente!!! Va beh.

  • Chi ti FOLLOWA piu’ di una volta

    Perche’ a voi non succede?! Su IG mi faccio tante di quelle risate quando vedo per l’ennesima volta: jdbsvkjdvn ha iniziato a seguirti. Cosa vuol dire? Che ti dovrei seguire? Che vuoi a tutti i costi che ti segua? Comunque vi stimo per la perseveranza!

  • Chi ti chiede “Che bella galleria, ti va di seguirci a vicenda?”

    Ma scusa se ti piacciono le mie foto e trovi interessante seguirmi fallo no? Altrimenti no problem. Cos’e’ se lo facciamo in contemporanea si vince qualcosa?!?

 

  • I filtri di VSCO

    Per me VSCO e’ sacro, cioe’ con questa app ho imparato a modificare COME SI DEVE tutte le mie fotografie e per me se non lo sai usare al meglio, meglio lasciar perdere! Continua pure con i filtrini di IG 😀

IMG_9961

  • Chi non comprime l’immagine di copertina

    Saro’ fissata io eh, ma quando leggo un post (e la maggior parte dei casi arrivo a leggerlo via Facebook) la prima cosa che guardo e’ l’immagine di copertina, che oltre a dover essere d’impatto, ovviamente deve essere ben inquadrata e adattata alla misura della copertina del Blog. Invece il piu’ delle volte mi imbatto in immagini allargate a dismisura, oppure pezzi di fotografia dove non riesci nemmeno ad identificare di cosa si tratti se solo non ci fosse il titolo!

 

  • Chi non modifica l’ URL di un link

    E cosi’ ti trovi davanti a www.makdmkscnksv.it\hodcdmvmd\3329000en-lkks-\eddmmcopd;c\snckdvnkdnvkd33\\ e pensi “Oh mamma e che cos’e?!?!” Ho quasi paura ad aprirlo!!!

 

  • Si selfie chi puo’!

    E qui arriva il bello…Io sono la prima che ama fin troppo farsi quei selfie da ” Vorrei ma non posto” perche’ rischierei di far ridere tutti, e non perche’ ho il seno turgido, ma perche’ sono piu’ buffa di un pagliaccio! Pero’ ragazze quando vi vedo con quelle bocche a culo di gallina e la faccia da timorate di Dio fate attenzioni alle tette che sbucano da ogni parte (ergo beate voi perche’ io non ho nulla da far sbucare!!!) pero’ almeno ho tutto al mio posto e non rischio di fare figuracce…Sapete ho una certa eta’ e due figli che potrebbero vergognarsene 😉

Ok la smetto…Ho solo voluto divertirmi un po’, non era mia intenzione prendere in giro nessuno, bensi’ elencare semplicemente alcune tipologie di persone piu’ o meno social e situazioni che mi fanno sorridere molto ogni volta che apro Facebook o Instagram.

Questa mia analisi per l’appunto deriva dal fatto che non molto tempo fa anche io ero cosi’, se si puo’ dire superficiale per quanto riguarda il filtro da usare su una fotografia, o l’immagine di copertina da comprimere.

Fino al Mammacheblog non conoscevo l’esistenza dello Yoast SEO e del Content Design. Poi l’ho capito, grazie ad esperti, e’ vero, ma in qualche modo ci sono arrivata anche con le mie gambe. E non smettero’ mai di aggiornarmi e capire come questo mondo cosi’ bello e infinito quale e’ il Web, possa funzionare e darti moltissimo in cambio. Si nuota in un mare immenso pieno di pesci grossi e squali che cercano sempre di mangiarti anche solo che un braccio, bisogna essere bravi e tenaci. E crederci sempre.

Ora andiamo a farci tutti un bel selfie inguardabile!!!

MAMMA GLAMOUR

 

 

 

 

 

admin
About me

YOU MIGHT ALSO LIKE

Influencer scounting: to fake or not to fake e un digitalkarma nascosto!
February 16, 2017
Sei una cattiva madre se non ti senti in colpa ?
June 15, 2016
Mammaglamour si racconta…un mese dopo!!!
March 25, 2016
Ambasciatrice Picci
March 03, 2016
Questione di un attimo !
February 25, 2016
Mamma Glamour : this is me !
February 18, 2016

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *